Navigazione veloce

SCUOLA ED INNOVAZIONE: L’ORDINE DEGLI “ODONTOTECNICI DELLE MARCHE” ALL’IPSIA POCOGNONI

Sabato 19 gennaio 2019 l’I.P.S.I.A. Pocognoni di Matelica ha avuto il piacere di ospitare il primo di una serie di incontri di alternanza scuola-lavoro interna all’Istituto, per il settore odontotecnico.

Print Friendly

Sabato 19 gennaio 2019 l’I.P.S.I.A. Pocognoni di Matelica ha avuto il piacere di ospitare il primo di una serie di incontri di alternanza scuola-lavoro interna all’Istituto, per il settore odontotecnico.  L’associazione di categoria OdM Odontotecnici delle Marche, in accordo con i docenti di indirizzo, si è dimostrata molto disponibile nel voler mettere a disposizione degli alunni delle classi IV e V odontotecnici i propri soci esperti del settore. Il primo incontro è stato concordato con l’od. Giancarlo Giulietti che, con professionalità, semplicità e chiarezza ha trattato il tema della Ceramica Pressata, uno dei tipi di lavorazione più attuali del settore dentale. Gli alunni sono stati colpiti dalla tematica,perché è stata spiegata attraverso casi reali ed hanno fatto numerose domande pertinenti, alle quali il relatore ha risposto in maniera chiara ed esaustiva.  Alla fine dell’incontro è stata donata all’Istituto una copia originale del manuale del grande odontotecnico e pittore Babi Spina “ Il sistema sottrattivo del colore”.  I prossimi appuntamenti sono previsti tra il mese di febbraio e il mese di aprile e parleranno di argomenti sempre attuali e al passo con i tempi come protesi combinata, valli occlusali per protesi mobile, modellazione in cera per lavorazioni di protesi fissa e realizzazione di bite. Ricordiamo che l’Ipsia Pocognoni, per l’indirizzo odontotecnico, ha inoltre acquistato il sistema cad-cam, macchinario che realizza protesi con sistema virtuale. L’utilizzo di questo sistema è una competenza che nel mondo del lavoro di oggi è richiesta e soprattutto molto ricercata. Un team di esperti ha seguito e formato sia i docenti di indirizzo che gli allievi nell’avvio all’utilizzo del macchinario, con grande entusiasmo e successo. Non ci resta che dire “Buon lavoro e buona formazione ragazzi”!

Benedetta Gentilucci